assemblee precedenti e resoconti

Verso il RomaEuroPride 2011, passando per il 14 dicembre 2010

Il 14 dicembre sarà il giorno in cui il Parlamento voterà sulle mozioni di sfiducia al governo Berlusconi. Condividiamo lo stesso senso di liberazione di tante e tanti cittadinei confidando che venga posta fine a questo governo composto da una classe dirigente rapace e arraffona che, in associazione con poteri corrotti e malavitosi, ha da due anni vessato il paese.

L’insediamento di questo governo è coinciso con lo scoppiare di una crisi economica descritta da molti illustri economisti come una crisi, e non la prima, sistemica del capitalismo. Appare chiaro che, su indicazioni del FMI e della BCE, i vari esecutivi nazionali hanno scelto come via di uscita dalla crisi lo smantellamento e la distruzione del sistema di welfare state dei singoli paesi, incluso il nostro. I costi della crisi sono stati abbondantemente scaricati sui lavoratori e le lavoratrici, attraverso le politiche economiche e di tagli alla spesa sociale che tutte e tutti conosciamo. Il caso italiano si distingue per il particolare scollamento fra i fasti della corte del Presidente del Consiglio, del suo entourage, del suo sistema di approfittatori corrotti e collusi e un paese sempre più impoverito e prostrato.

La crisi economica va di pari passo con quella sociale e culturale del paese. Questo governo, composto da una destra reazionaria con un ventre molle becero-leghista, ha svuotato di senso le istituzioni democratiche, ha tarpato le ali alla cultura, ha alimentato i peggiori bassi istinti, instillando l’odio e l’intolleranza per i cosiddetti diversi, siano essi migranti, poveri, disabili, lesbiche, gay e transessuali.

Una politica di odio resa possibile grazie anche al consenso dell’istituzione ecclesiastica, quella Chiesa che con il suo ipocrita moralismo si scaglia contro l’omosessualità e la transessualità la contraccezione, l’aborto e il diritto di disporre del fine vita ma che nulla o quasi dice del diffuso malaffare, della diffusa corruzione, dei comportamenti volgari e criminali del Presidente del Consiglio e della classe dirigente che lo sostiene.

Tireremo un sospiro di sollievo quando questo governo cadrà.

Ma ci preoccupa ciò che avverrà a partire dal giorno dopo la eventuale caduta del governo visti i diversi scenari che si stanno profilando. Non vogliamo qui entrare nel gioco delle ipotesi politiciste che non ci interessano.

Ciò che ci interessa è rimettere al centro delle nostre vite la politica, come costruzione dello spazio della vita comune, con una partecipazione pubblica che miri all’inclusione di tutti soggetti e le soggettività che compongono una società complessa. Vogliamo che nell’agenda politica, sociale e culturale ci siano le persone lesbiche, transessuali, gay e intersessuali e i diritti sino ad ora negati. Crediamo che la sessualità, l’orientamento sessuale e l’identità di genere debbano essere concetti legati alla libertà di scelta e all’autodeterminazione, fuori dalle dinamiche di marginalizzazione, violenza e autorità.

Il movimento delle e degli studenti ci ha mostrato che desiderare un mondo diverso è ancora possibile. Per questo continuiamo a mettere al centro del nostro pensare e del nostro agire la lotta per la difesa dei beni comuni – primi fra tutti la scuola, l’università e l’acqua – per la difesa del nostro patrimonio artistico e culturale, per la redistribuzione equa delle risorse, per la difesa dei diritti acquisiti e l’estensione degli stessi a tutti quei soggetti che ne sono sprovvisti, per un modello di sviluppo sostenibile e rispettoso dell’ambiente e degli animali.
Se gli studenti e le studentesse ci stanno ricordando che “un’università diversa è possibile” allora noi diciamo che un altro mondo è possibile, che un’altra Italia è possibile e soprattutto necessaria. Per far ciò abbiamo bisogno dell’unità da parte di tutti i movimenti sociali, con la possibilità, insieme, di costruire l’anno politico verso il RomaEuroPride 2011.

Il gruppo romano di trans-lesbiche-gay-bisex-queer “Orgogliosamente” è vicino a tutti quei soggetti, singoli e organizzati, che è nelle strade, nelle piazze, sulle torri, sulle gru, sui tetti, sui monumenti in difesa della autodeterminazione e della laicità per una società libera, giusta e partecipata.

Orgogliosamente TLGBQ_ roma
—————————————————————————–
CONVOCAZIONE ASSEMBLEA NAZIONALE
–ORGOGLIOSAMENTE TLGBIQ” 6/11/2010-

Raccogliendo le motivazioni di molte associazioni, gruppi e singoli che hanno firmato, lo scorso giugno, il documento “noi non ci saremo”, in cui si mettevano in luce le numerose criticità della piattoforma del RomaPride 2010, è stata creata la lista “Orgogliosamente lgbtiq”, che raccoglie diverse aree di movimento.
Da diversi anni in Italia il movimento “GLBT” non riesce a proporre una voce univoca inerente alle questioni che più ci riguardano, dai diritti al lavoro, dalla laicità alla prostituzione, dall’omo/lesbo/transfobia alla depatologizzazione del transessualismo.
Potremo tenere testa all’anno politico che ci si prospetta, caratterizzato dalle politiche di repressione e strumentalizzazione sui nostri corpi e dai continui attacchi alla salute e alla qualità della vita di donne, trans e di migranti (pacchetto sicurezza, C.I.E., Legge Tarzia), solo se saremo capaci di ristabilire modalità serie di coesione e fiducia, ribadendo contenuti e storia del movimento per rilanciare percorsi di costruzione politica.
Riteniamo, quindi, necessario aprire uno spazio di discussione a livello nazionale all’interno del quale tutte e tutti possano confrontarsi su come costruire il percorso verso il RomaEuroPride di giugno 2011.
A Roma abbiamo già iniziato a riunirci su tematiche quali la depatologizzazione del transessualismo e su quali debbano essere i punti cardine del RomaEuroPride 2011, ma è necessario discuterne in un luogo più allargato come quello di un’assemblea nazionale, che sappia accogliere i contributi delle varie realtà italiane.
Invitiamo gruppi, associazioni, singoli a partecipare all’assemblea nazionale –ORGOGLIOSAMENTE TLGBIQ-il 6 Novembre dalle ore 11,
c/o circolo MarioMieli,via Efeso 2a, Roma.
E’ il momento di esserci: se non ora, quando?
Il gruppo romano di “orgogliosamente tlgbiq”
http://orgogliosamentelgbtiq.blogspot.com/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *